Ricetta Sbrisolona mantovana facile e golosa

La Sbrisolona mantovana è senz’altro, tra le torte tradizionali, una delle più semplici e golose. E’ una torta tradizionale originaria di Mantova, caratterizzata dalla fragrante frolla arricchita da mandorle tritate. Il nome stesso denota la caratteristica principale di questo dolce popolare molto friabile e tradizionalmente ridotto in porzioni a mano.

Seguite la ricetta proposta nel video e inserite un commento a fondo pagina per farci sapere se avete provato anche voi a realizzare la Sbrisolona mantovana.

Video – Ricetta sbrisolona

Ingredienti ricetta Sbrisolona mantovana

  • 200 gr di mandorle
  • 150 gr di farina gialla
  • 200 gr di farina 00
  • 1 bacca di vaniglia
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 1 limone
  • 2 tuorli
  • 160 gr di burro
  • 60 gr di strutto

Prepariamo la Sbrisolona

Preparare la sbrisolona mantovana è molto facile e veloce.

Setacciamo la farina bianca e la farina gialla in un contenitore. Aggiungiamo la polpa di vaniglia e grattugiamo solo la parte gialla della scorza di limone. Aggiungiamo lo zucchero, le mandorle, i tuorli, il burro tiepido (a temperatura ambiente) a pezzetti e lo strutto. Amalgamiamo a mano.

Impastare la sbrisolona mantovana

Portiamo l’impasto in uno stampo cosparso di burro e pan grattato. Premiamo leggermente l’impasto con un cucchiaio per compattare il tutto.

La sbrisolona mantovana con mandorle

Cuociamo in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti, fino a doratura.
Se gradito, è possibile decorare con una spolverata di zucchero a velo.

Oltre alla ricetta della sbrisolona mantovana, vuoi provare qualche altro dolce tipico italiano? Guarda la sezione “Dolci italiani” o gli articoli correlati per trovare le nostre ricette con video e versione stampabile.

Articoli correlati:

Come valuti questo articolo?

Clicca per votare!

Average rating 0 / 5. Totale voti: 0

Nessun voto! Vota per primo.

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *