Fiore Giglio in ghiaccia reale

Il giglio in ghiaccia reale è molto semplice da realizzare. Basta un po di pratica e di pazienza e i risultati saranno strabilianti.

Partendo dalla ricetta base della ghiaccia reale dobbiamo verificare se la consistenza è ottimale per realizzare il fiore. Se abbiamo difficoltà a realizzare perfettamente i petali (ad esempio le punte si spezzano) rendiamo la ghiaccia più fluida aggiungendo qualche goccia d’acqua (aggiungerla con moderazione).

I fiori vengono realizzati su carta argentata, da cui verranno separati dopo il necessario periodo di asciugatura di circa 24/48 ore.

Video – Giglio in ghiaccia reale

Accessori utilizzati:

*Cliccando sul link verrete reindirizzati alla migliori offerte disponibili su Amazon

Realizzare il giglio in ghiaccia reale

Inseriamo la carta argentata tra le due parti dell’accessorio per fiori con il lato lucido rivolto verso l’alto. Premiamo con forza e ripieghiamo circa mezzo centimetro di carta argentata sotto il bordo dell’accessorio, avendo precedentemente eliminato la parte in eccesso. In questo modo abbiamo preparato il supporto. Al termine della realizzazione del giglio in ghiaccia reale potremmo facilmente staccare la carta argentata e lasciar asciugare il fiore in un posto asciutto a temperatura ambiente.

Con il beccuccio 68 creiamo i petali del giglio. Facciamo particolare attenzione al momento in cui dovremo terminare il petalo. Quindi, con il beccuccio 15 e la ghiaccia reale azzurra creiamo la parte centrale dove inseriremo gli stami con una pinzetta.

Il video mostra come realizzare anche delle campanule con il beccuccio 66 e la stessa tecnica proposta per il giglio. Nel caso delle campanule usiamo un supporto per fiori più piccolo.

Lasciamo asciugare i fiori per 24/48 in un posto al riparo dall’umidità. Successivamente possiamo usare subito le decorazioni o conservarle (per 1-2 mesi) in un contenitore a chiusura ermetica e in un posto asciutto.

Avete provato a creare i gigli in ghiaccia reale? Com’è andata? Fateci sapere lasciando un commento a fine pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »